Quella finestra aperta sul verde del Real Bosco di Capodimonte

//Quella finestra aperta sul verde del Real Bosco di Capodimonte

Quella finestra aperta sul verde del Real Bosco di Capodimonte

A noi del Premio GreenCare non è sfuggito il focus sul paesaggio realizzato in una delle sale del Museo di Capodimonte dall’architetto paesaggista Paolo Pejrone, presidente dell’Associazione Parchi e giardini d’Italia, sodalizio che ci onoriamo di annoverare tra i nostri partner.

L’architetto paesaggista Paolo Pejrone

L’occasione è data dalla mostra Carta Bianca, un indovinato esperimento, pensato dal direttore del Museo Sylvain Bellenger e dal direttore del Madre Andrea Viliani che hanno chiesto a dieci personalità del mondo della cultura in tutti i campi di realizzare a Capodimonte una stanza d’elezione: un personalissimo allestimento sull’abbrivio della propria sensibilità, scegliendo tra le 47mila opere presenti nelle collezioni del Museo, anche “riesumate” dai depositi. Ne viene fuori una originalissima mostra che mette in nuovo dialogo le opere tra loro ed il visitatore con loro. Come un rimescolare di carte che segna l’inizio di un nuovo gioco.
Tra i novelli “curatori” accanto, tra gli altri, a Marc Fumaroli e Riccardo Muti, ritroviamo il “nostro” Pejrone che erompe con la semplicità di un solo gesto: apre una finestra e riconnette il parco al palazzo, il paesaggio agli interni, la poetica del verde alla poetica dello spazio domestico, seppure aristocratico, ed oggi museale. Il verde recupera con un solo gesto il suo ruolo, la sua dignità ed il suo valore. La collezione botanica ha forse meno valore di quella artistica? Ed allora ammiriamola nella cornice di una finestra!

La sala allestita da Paolo Pejrone

Ma non è questo l’unico nuovo viaggio offerto al visitatore: c’è ancora una nuova storia che viene narrata ed è quella più appartata, più schiva, e per questo più intima e preziosa, dell’ombra.
Tra paesaggi e vedute, Pejrone espone le opere che meglio raccontano dell’ombra che ristora e accoglie, protegge e fa riposare. Ci fa notare come molteplici siano le ombre che in un giardino si possono ritrovare e come ciascuna assolva ad una funzione diversa.
Un invito a guardare, con occhi nuovi e da una prospettiva diversa, al verde di parchi e giardini. L’ombra con il suo valore rigenerante. Una cosa non troppo scontata, come riaprire una finestra sul giardino a Capodimonte.

Carta bianca è visitabile fino al 17 giugno 2018. Per informazioni www.museocapodimonte.beniculturali.it

2018-01-08T13:11:12+00:008 gennaio 2018|Green Blog di Benedetta|0 Comments

Leave A Comment