La meraviglia dei Pollici Verdi

//La meraviglia dei Pollici Verdi

La meraviglia dei Pollici Verdi

Siamo andati a trovare I Poliici Verdi di Scampia, nostri premiati 2018 per la cura di un’area verde pubblica (2.500, euro di fondi già erogati) per conoscere da vicino il loro lavoro, giudicato come meritevole dalla nostra Giuria.

In un’area di ben 22mila mq è stato esercitato da 7 anni il meglio che una cittadinanza attiva possa fare per il proprio territorio.

Gli abitanti di 19 scale, che insistono sull’area verde, sono stati compulsati dall’Associazione I Pollici Verdi a dare un proprio contributo al ripristino del decoro dello spazio verde sotto casa: c’e chi pulisce e mantiene pulito; chi pianta e coltiva, sia vegetazione con pura finalità estetica ma anche un orto ed aiuole didattiche con piante mediterranee; c’è chi è abile con la motosega e dalla legna morta resuscita forme e colori; c’è chi sogna ed ha visioni e dipinge sui muri paesaggi lacustri, marini, costellazioni e perfino una grotta azzurra di suggestione caprese.

Chi sogna vince. È proprio questo il caso.

Con i fondi del Premio GreenCare sono stati acquistati due strumenti importanti: un tosaerba-trattorino ed un soffiatore per velocizzare il lavoro e poter affrontare porzioni di verde sempre più grandi. Un nostro piccolo contributo ad una grande causa.

Nessuno qui afferma di stare attuando una riqualificazione urbana e sociale. Non c’e presunzione da queste parti. C’è l’umiltà di chi sente fortemente la responsabilità di un destino che luoghi comuni vorrebbero vedere orientato verso “Gomorra”.

Qui c’è, invece, un caso da studiare e molto approfonditamente. Un virtuosismo che ha saputo mettere assieme cittadini di varia provenienza per legarli ad una porzione di verde che genera bellezza e senso di appartenenza con il contributo di tutti. E chi non può materialmente scendere in strada con la scopa o il rastrello, si quota in maniera simbolica a sostegno di tutte le attività.

Anche le scuole sono state “legate”’ a questa porzione di resistenza urbana della bellezza: i bambini apprendono il fascino della vita vegetale, i ragazzini più grandi vi praticano sport. I cani hanno la loro area di sgambamento e deiezioni, tanto agognata in altre parti di città.

Un recinto colorato contiene un parco-giochi per i più piccoli e le madri li osservano da panchine realizzate con la sapienza artigianale del riciclo.

Tanta buona volontà, tante persone di buona volontà. Tanto impegno attivo e fattivo.

Il futuro è da queste parti.

 

 

 

 

2018-10-12T09:52:18+00:0012 Ottobre 2018|I’m a GreenCarer|0 Comments

Leave A Comment